//
reading...
Città/Milano, Coreografia, Danza, Danza contemporanea, danza contemporanea italiana, danza nel mondo, debutti danza, musica contemporanea, News, performance, spettacoli, Teatro, Teatro Franco Parenti

Teatro Franco Parenti, Sýnchronos, performance di danza e musica contemporanea

danza,Synchronos,teatro Franco ParentiCOMUNICATO STAMPA

Lunedì 5 maggio, ore 20:30

Sýnchronos, spettacolo di danza e musica contemporanea, in prima assoluta al Teatro Franco Parenti di Milano, per due danzatori, ensemble ed elettronica.
Lo spettacolo è prodotto da Divertimento Ensemble con la collaborazione della coreografa Ariella Vidach e la compagnia di danza Ariella Vidach – AiEP, tra le realtà più interessanti nell’ambito delle nuove tecnologie applicate alle arti performative, e coinvolge i tre vincitori del concorso di composizione Incontri Internazionali Franco Donatoni: Maurizio Azzan, Daniela Terranova e Huck Hodge

Il progetto, nato dalla volontà di esplorare i confini del rapporto tra musica e danza, ha visto impegnati contemporaneamente i compositori e la coreografa Ariella Vidach nella scrittura musicale e nella realizzazione dei movimenti coreografici, un lavoro in sinergia che ha permesso di mettere insieme ambiti artistici diversi, e concepire la performance come un’opera creativa unica in cui si fondono danza, musica strumentale ed elettronica.

I tre brani musicali che faranno da guida all’azione scenica, saranno eseguiti da Divertimento Ensemble, diretto da Sandro Gorli. Si tratta di Umano(dis)umano di Maurizio Azzan, Lying down on the horizon, di Daniela Terranova, e Apophenia, dello statunitense Huck Hodge, tutti per ensemble ed elettronica.

Le coreografie di Ariella Vidach saranno interpretate da Chiara Ameglio e Stefano Roveda, il lavoro si presenta come una unica pièce coreografica,che permea le atmosfere, gli ambienti e lo spazio creati dalla musica. Dice la coreografa: ho ritenuto che anche i movimenti dei musicisti sulla scena e nelle transizioni tra un brano e l’altro fossero un momento importante, un’azione che valesse la pena di condividere e trasformare in parte integrante del lavoro coreografico. E ancora: Ho preso spunto dalle conversazioni con I compositori, fonti di ispirazione anche per i due danzatori, per indagare nuove forme di interazione tra movimento e musica.

Il brano Apophenia di Huck Hodge parte dal lavoro di C. G. Jung sull’umana tendenza a cercare dei modelli nelle informazioni casuali o incongrue. Apophenia, dice Hodge, esplora la malleabilità del tempo e il modo in cui il significato può essere costituito attraverso la convergenza di eventi casuali. In combinazione con i danzatori di AiEP, la performance intende creare l’effetto di un importante rito, il cui significato però non è pianamente disponibile, come se appartenesse ad una religione aliena.

Umano(dis)umano di Maurizio Azzan è incentrato sul rapporto uomo-suono. Un lavoro, secondo l’autore, per svelare gli archetipi di ciò che acusticamente sta fuori e dentro di noi: dall’artificialità fredda, disumanizzata e crudele della tecnologia cui non sappiamo più fare a meno e che controlla la nostra esistenza, alla dimensione ibrida di un suono strumentale plastico e materico allo stesso tempo, sospeso com’è fra l’essere umano che lo fa esistere e l’alterità inanimata dello strumento, fino al respiro stesso che gli dà vita.

Il lavoro di Daniela TerranovaLying down on the horizon, prende spunto dalla poesia visionaria di Sylvia Plath (grande voce poetica del Novecento anglofono, vincitrice post mortem del Pulitzer Prize 1982, nata a Boston, ma naturalizzata inglese, morta suicida a soli trent’anni nel 1963). “I’m vertical”, recita in apertura di un suo famoso componimento la scrittrice – ma talvolta la vita ci spinge a desiderare un abbandono, una resa, il raggiungimento di una dimensione orizzontale, che è quella del sonno/sogno e infine della morte. Il riferimento al testo è metaforico, trascende dalle vicende propriamente biografiche dell’autrice per cogliere la dimensione universale dell’esperienza. La danza sembra dare forma al rito, interagendo con una texture musicale inizialmente secca, arida, “legnosa”, che a poco a poco acquista risonanza e profondità.

Lo spettacolo è realizzato con il supporto di ERNST VON SIEMENS MUSIC FOUNDATION e fa parte delle attività del Network Ruropeo Ulysses. Dopo il debutto al Teatro Franco Parenti di Milano, per la Stagione Rondò 2014, a luglio andrà in scena al Festival “Time of music” di Viitasaari, in Finlandia.

http://www.divertimentoensemble.it

http://www.teatrofrancoparenti.it

ore 20.30 incontro con Maurizio Azzan, Daniela Terranova, Huck Hodge
a cura di Anna Maria Morazzoni
ore 21.00 performance di danza e musica contemporanea

Divertimento Ensemble
in collaborazione con Ariella Vidach AiEP
direttore Sandro Gorli
messa in scena a cura di Ariella Vidach e Claudio Prati
coreografie Ariella Vidach
danzatori Chiara Ameglio e Stefano Roveda
disegno luci Stefano Pirandello

musiche
Maurizio Azzan – Umano(dis)umano, per danzatori, ensemble ed elettronica
Daniela Terranova – Lying down on the horizon, per danzatori e ensemble
Huck Hodge – Apophenia**, per danzatori e ensemble
Commissione di Barlow Endowment for Music Composition At Brigham Young University
Commissione Divertimento Ensemble 2014 con il supporto della Ernst von Siemens Foundation”

Informazioni su milanoartexpo

Blogzine fondata dal centro culturale Spazio Tadini di Milano. Per info: francescotadini61@gmail.com

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Danza Contemporanea Milano Coreografia d'Arte
DANZA CONTEMPORANEA  MILANO - Festival Coreografia D’Arte.
Dal 2009 vi hanno partecipato coreografi italiani ed esteri per realizzare spettacoli dal vivo su ispirazione di opere di artisti come Lucio Fontana, Emilio Tadini ma anche tanti giovani. Per l’edizione 2012, la III°, sono presenti coreografi italiani, venezuelani, austriaci insieme a 10 artisti di cui uno spagnolo e una cilena...   LEGGI >

mito fringe a milano

mito fringe Milano arte e cultura, MITOFRINGE
MITO Milano arte e Cultura, MITOFringe
MITO Milano arte e Cultura, MITOFringe
Stazione M2 Cadorna Music Corner
Orario: 13.00
Genere: Classica
Trio Clarinetto:
nasce alla Scuola Musicale di Milano. Il Trio Clarinetto si è esibito in diverse rassegne milanesi tra cui “Benvenuta Primavera”.
 MITOFringe >>>

Stazione M2 Garibaldi Music Corner
Ore 13.00, Genere: Jazz. Il repertorio del Maurizio Signorino Trio ...
 MITOFringe >>>


Biblioteca Baggio – Sala Narrativa
Ore 18.00, Genere: Classica. ll TRIO EUFONE’ presenta un progetto centrato su Claude Debussy, nell’anno del 150esimo annivers. della nascita. Brani da Syrinx per Flauto solo, 1re Arabesque, Suite Bergamasque.
 MITOFringe >>>
Pinacoteca di Brera Cortile d’Onore
Ore 13.00, Genere: Visual- Sonoro. Freecanvas è un progetto tra musica e pittura, un incrocio di arti diverse ma con un senso comune: la composizione libera. Mentre i musicisti suonano, Ambra Rinaldo ‘suona la tela’...
MITOFringe >>>

Amici del Loggione del Teatro alla Scala
Orario: 17.30
Genere: Educational
A cura di: Bianca De Mario. In occasione del 150esimo anno dalla nascita di Claude Debussy, Bianca De Mario racconta la sua figura...
MITOFringe >>>

Feltrinelli Express, Stazione Centrale, Ore 18.30, Genere: Jazz. Il quartetto Monk’s Dream è ispirato alla musica di Thelonius Monk..
MITOFringe >>>
Teatro Franco Parenti, Milano arte spettacoli e cultura
Teatro Franco Parenti, PUGAČËV, Milano arte spettacoli e cultura

20|22 giugno ore 21.15
PUGAČËV - di Sergej Esenin
Il poema drammatico del grande poeta russo Sergej Esenin attraversa la vicenda della “rivolta degli orfani”, che infiammò la Russia del Sud tra il 1773 e 1775, e la rilegge attraverso il prisma della Rivoluzione di Ottobre.
TEATRO PARENTI >>>
Teatro Franco Parenti, NE HO MANGIATA TROPPA, di Umberto Simonetta e Luca Sandri, Milano arte spettacoli e cultura
3 | 8 luglio NE HO MANGIATA TROPPA -  Omaggio a Umberto Simonetta. Scritto e diretto da Umberto Simonetta e Luca Sandri. Canzoni originali di Giorgio Gaber. Con Luca Sandri
TEATRO PARENTI >>>
Teatro Franco Parenti, AMLETO, Filippo Timi, Milano arte spettacoli e cultura

10 | 14 luglio - AMLETO²  - di Filippo Timi. regia di Filippo Timi e Stefania De Santis - Nuova edizione di Amleto: una rilettura dove ogni gesto o parola diventa gioco e voce personale, provocazione intelligente, “hellzapoppin” ad alta gradazione di divertimento.
TEATRO PARENTI >>>

Articoli recenti

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: