//
reading...
Ballet, Balletto, balletto classico, Concorso Internazionale Danza Città di Spoleto, Coreografia, Danza, Danza contemporanea, danza nel mondo, News, Premi, Premio, Settimana Internazionale della Danza, spettacoli, Uncategorized

Settimana Internazionale della Danza: dal 26 al 31 marzo 2012

La città di Spoleto laurea, come ogni anno, i migliori giovani danzatori del mondo. Nella sede della Fondazione Cassa di Risparmio di Spoleto, principale sostenitore della manifestazione, è stato presentato il programma della “Settimana Internazionale della Danza”, la manifestazione organizzata da Event Art in collaborazione con il Comune di Spoleto.
“Clou” dell’evento rimane il Concorso, l’unico in Italia ed uno dei più importanti del mondo, inserito ormai in modo stabile nell’International Federation Ballet Competitions insieme agli analoghi, grandi appuntamenti di Berlino, Mosca, New York, Shangai, Istanbul, Helsinki, Varna, Perm, Riga, Seoul, Astana e Budapest.
Il concorso, che avrà luogo presso il Complesso di San Nicolò, è aperto ai concorrenti solisti di età compresa tra i 12 e i 24 anni (suddivisi in tre categorie: allievi, juniores e seniores) e a giovani coreografi.
Saranno valutati da una giuria presieduta da Alberto Testa, che è anche il direttore artistico della manifestazione: un vero e proprio mito del mondo della danza internazionale, autore di celeberrime scenografie cinematografiche, da “Il Gattopardo” di Visconti fino a “Romeo e Giulietta”, “Gesù di Nazareth”, “La Traviata”, “Otello” e “Il giovane Toscanini”, di Franco Zeffirelli. Ma anche danzatore, interprete, docente, giornalista, critico e regista. Con lui, altri protagonisti assoluti della “sesta arte”: Pedro Carneiro, direttore del Conservatorio di Lisbona; Paola Jorio, già direttore della scuola di ballo del Teatro dell’Opera di Roma; Pompea Santoro, per 25 anni “stella” della celebre Cullberg Company e Michele Pogliani, coreografo di fama internazionale e docente all’Accademia di Danza di Rotterdam.


Una novità assoluta nella edizione di questo anno: per la prima volta ad un singolo danzatore verrà assegnato anche il “Premio della Critica”, da una prestigiosa giuria formata “ad hoc” e presieduta da Sara Zuccari, grande firma della critica della danza: volto storico di Skynews24 e direttrice de “Il Giornale della Danza”, la prima testata giornalistica online in Italia di informazione sulla danza e sul balletto. Con lei, altre due firme della danza italiana: Lorenzo Tozzi, musicologo e storico, critico di danza del quotidiano Il Tempo e Elisabetta Testa, giornalista dei quotidiani Il Mattino e Il Roma. Il premio verrà consegnato la sera del 31 marzo, in occasione del Galà che concluderà la manifestazione.
Ricchissimo il programma della edizione 2012, illustrato da Alberto Testa, insieme al sindaco di Spoleto Daniele Benedetti, al presidente della Fondazione Cassa di Risparmio Dario Pompili, sponsor storico della manifestazione e a Sara Zuccari, direttrice de “Il Giornale della Danza”.
Da non perdere, domenica 25 marzo, l’appuntamento al Teatro Menotti con Giorgio Albertazzi. Il grande attore insieme alle ballerine della Martha Graham Dance Company sarà il protagonista di “Cercando Picasso”, uno spettacolo teatrale che unisce prosa e danza, firmato dal regista Antonio Calenda e dedicato al celeberrimo pittore spagnolo. L’evento di alto livello artistico, voluto dal Comune di Spoleto e dai “I Mecenati per la Danza” di Daniele Cipriani, prevede anche un importante appuntamento di beneficenza a favore del Centro di Radioterapia Oncologica del Policlinico Universitario Agostino Gemelli di Roma.
In via del Mercato, nel centro di Spoleto è previsto il “Punto Danza”, luogo privilegiato degli appuntamenti previsti a corollario della Settimana della Danza.


Lo spazio urbano dal 24 al 31 marzo ospiterà due importanti rassegne visive: “Danza in mostra. Ritmo di Vita” con l’esposizione delle illustrazioni di Ornella Mastrogiovanni e la Mostra Fotografica “1986 – 2006: 20 anni di danza internazionale nelle foto di Cristiano Castaldi” a cura di Cristiano Castaldi, il fotografo ufficiale della Settimana della Danza.
Domenica 25 marzo, alle ore 16,30, Alberto Testa, presenterà, insieme all’autrice, il libro “Cosa ti manca per essere felice?” di Simona Atzori.
Mercoledì 28 marzo, alle 17,30, il Punto Danza di via del Mercato ospiterà un altro evento: “70 anni fa moriva a New York Mikhailovic Fokine (Michel Fokin) padre del Balletto moderno, non della Danza moderna!” a cura di Alberto Testa con proiezione del balletto Les Silphydes nell’esecuzione della Compagnia del Bolschoi.
Il 30 marzo, alle ore 11,30, è previsto l’incontro con l’Aidaf (Associazione Italiana Danza Attività Formativa) “Parla, l’Aidaf ti ascolta”. Nell’occasione verrà presentata ufficialmente “La consulta Amici dell’Aidaf”.
La Settimana Internazionale della Danza festeggia quest’anno la decima edizione consecutiva a Spoleto. Il legame con la città è sempre più stretto: quest’anno 71 esercizi commerciali in collaborazione con la Ascom di Spoleto, metteranno in vetrina una foto d’autore per raccontare le dieci edizioni spoletine. La Danza ha trovato a Spoleto la sua casa.
Dario Pompili, presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Spoleto, ha rivendicato, con orgoglio, la lungimiranza della scelta di appoggiare, in modo concreto l’iniziativa: “Questa manifestazione porta benefici importanti alla città e a tutta l’Umbria. La vocazione di Spoleto è quella di essere una capitale di cultura e di bellezza”.
Daniele Benedetti, sindaco di Spoleto, ha sottolineato il “ritorno” economico e di immagine per la città: “La Settimana Internazionale della Danza resta uno degli episodi più preziosi nel panorama degli appuntamenti culturali di Spoleto. Questo per varie ragioni. Per la dimensione e il respiro internazionale che ne caratterizzano il profilo e la risonanza, per il prestigio che assume il concorso e la sua Giuria, per la capacità di incidere significativamente nel comparto economico-promozionale della città, visti i numeri e l’indotto che riesce a muovere. Ma soprattutto perché rappresenta uno dei casi, sempre più rari, in cui alla dimensione spettacolare e partecipativa si aggiunge una fondamentale componente formativa, troppo spesso messa in secondo piano quando si organizzano proposte od eventi culturali”.
Un legame, quello con la città di Spoleto, ricordato, nelle sue conclusioni, anche da Alberto Testa: “La danza ha trovato casa in un luogo della dolce Umbria che privilegia l’arte da sempre. E alla vigilia della Settimana della Danza mi piace rivolgere un pensiero a Giancarlo Menotti, amico indimenticato, mio e di Spoleto e ai tanti sogni fatti insieme nel nome del teatro e che abbiamo realizzato nel palcoscenico di questa meravigliosa città”.

Informazioni su milanoartexpo

Blogzine fondata dal centro culturale Spazio Tadini di Milano. Per info: francescotadini61@gmail.com

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Danza Contemporanea Milano Coreografia d'Arte
DANZA CONTEMPORANEA  MILANO - Festival Coreografia D’Arte.
Dal 2009 vi hanno partecipato coreografi italiani ed esteri per realizzare spettacoli dal vivo su ispirazione di opere di artisti come Lucio Fontana, Emilio Tadini ma anche tanti giovani. Per l’edizione 2012, la III°, sono presenti coreografi italiani, venezuelani, austriaci insieme a 10 artisti di cui uno spagnolo e una cilena...   LEGGI >

mito fringe a milano

mito fringe Milano arte e cultura, MITOFRINGE
MITO Milano arte e Cultura, MITOFringe
MITO Milano arte e Cultura, MITOFringe
Stazione M2 Cadorna Music Corner
Orario: 13.00
Genere: Classica
Trio Clarinetto:
nasce alla Scuola Musicale di Milano. Il Trio Clarinetto si è esibito in diverse rassegne milanesi tra cui “Benvenuta Primavera”.
 MITOFringe >>>

Stazione M2 Garibaldi Music Corner
Ore 13.00, Genere: Jazz. Il repertorio del Maurizio Signorino Trio ...
 MITOFringe >>>


Biblioteca Baggio – Sala Narrativa
Ore 18.00, Genere: Classica. ll TRIO EUFONE’ presenta un progetto centrato su Claude Debussy, nell’anno del 150esimo annivers. della nascita. Brani da Syrinx per Flauto solo, 1re Arabesque, Suite Bergamasque.
 MITOFringe >>>
Pinacoteca di Brera Cortile d’Onore
Ore 13.00, Genere: Visual- Sonoro. Freecanvas è un progetto tra musica e pittura, un incrocio di arti diverse ma con un senso comune: la composizione libera. Mentre i musicisti suonano, Ambra Rinaldo ‘suona la tela’...
MITOFringe >>>

Amici del Loggione del Teatro alla Scala
Orario: 17.30
Genere: Educational
A cura di: Bianca De Mario. In occasione del 150esimo anno dalla nascita di Claude Debussy, Bianca De Mario racconta la sua figura...
MITOFringe >>>

Feltrinelli Express, Stazione Centrale, Ore 18.30, Genere: Jazz. Il quartetto Monk’s Dream è ispirato alla musica di Thelonius Monk..
MITOFringe >>>
Teatro Franco Parenti, Milano arte spettacoli e cultura
Teatro Franco Parenti, PUGAČËV, Milano arte spettacoli e cultura

20|22 giugno ore 21.15
PUGAČËV - di Sergej Esenin
Il poema drammatico del grande poeta russo Sergej Esenin attraversa la vicenda della “rivolta degli orfani”, che infiammò la Russia del Sud tra il 1773 e 1775, e la rilegge attraverso il prisma della Rivoluzione di Ottobre.
TEATRO PARENTI >>>
Teatro Franco Parenti, NE HO MANGIATA TROPPA, di Umberto Simonetta e Luca Sandri, Milano arte spettacoli e cultura
3 | 8 luglio NE HO MANGIATA TROPPA -  Omaggio a Umberto Simonetta. Scritto e diretto da Umberto Simonetta e Luca Sandri. Canzoni originali di Giorgio Gaber. Con Luca Sandri
TEATRO PARENTI >>>
Teatro Franco Parenti, AMLETO, Filippo Timi, Milano arte spettacoli e cultura

10 | 14 luglio - AMLETO²  - di Filippo Timi. regia di Filippo Timi e Stefania De Santis - Nuova edizione di Amleto: una rilettura dove ogni gesto o parola diventa gioco e voce personale, provocazione intelligente, “hellzapoppin” ad alta gradazione di divertimento.
TEATRO PARENTI >>>

Articoli recenti

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: