//
reading...
Bozen Tanz, Carolyn Carlson, Claudio Cavina, Coreografia, coreografia, Coreografia d'Arte, Coreografia d'Arte 2009, Coreografia d'Arte 2010, Corso Como 10, Danza, Danza contemporanea, danza d'autore, danza nel mondo, debutti danza, Faces, Fazil Say, Festival Danza, Festival di Danza Contemporanea 2011, Festival Internazionale di Musica Contemporanea della Biennale di Venezia, FOCUS 4 - Al femminile, Henry Purcell, improvvisazione, Musicamorfosi, News, Politecnico di Milano, Polo Industriale Pirelli di Settimo Torinese, Pordenone capitale del cinema muto, Prague Philharmonia, Prima assoluta, Prima italiana, Prima nazionale, prime assolute, Saul Saguatti, Südwestdeutsche Philharmonie Konstanz, Scuderie del Castello Visconteo di Pavia, Short Formats, Short Formats 2011, Short Formats 2011 running out of culture/a corto di cultura, Spazio corpo e potere ciclo di interviste, spettacoli, Taranta, Teatro, Teatro Smeraldo di Milano, Teatrodanza, Ultima Vez, Uncategorized, William Wiley, Wim Vandekeybus

OFF LABEL Rassegna per la nuova danza ospita Wim Vandekeybus: il 4 dicembre 2011

Off Label è una rassegna di danza contemporanea in Friuli Venezia Giulia. É alla sua terza edizione, e promuove il contemporaneo privilegiando la danza di ricerca e dando spazio ai giovani di talento attivi sulla scena nazionale e internazionale.

Per questa edizione 2011, la direzione artistica di Roberto Cocconi, Marta Bevilacqua, Valentina Saggin, Luca Zampar (Compagnia Arearea), rinnova e consolida l’impegno per la formazione di un pubblico per la danza contemporanea attraverso l’articolata proposta di spettacoli, seminari, conferenze e performance. Il programma si snoda attraversando più e diversi generi contemporanei, unendo parola, immagine, suono, corpo.

Quindici gli appuntamenti tra spettacoli, seminari e conferenze, che si svolgono a Lo Studio e, un evento, al Teatro San Gregorio. L’ambizione è quella di rendere Lo Studio uno spazio che supera i suoi stessi confini tessendo relazioni con realtà internazionali attraverso nuove forme di sostegno. In questa ottica, la rassegna intende coinvolgere soprattutto i danzatori italiani all’estero, autori, che per formazione e possibilità di affermazione hanno lasciato l’Italia e si sono addentrati nella scena internazionale. All’interno di questa sezione saranno ospitati: Daniele Ninnarello, Giulio D’Anna e Raffaella Galdi. Nella sezione dei gruppi e autori emergenti vi sono La Fionda Teatro, Schuko e Monza7amoretti. Lo spazio dedicato alla compagnia Vera Stasi e alla compagnia Arearea, propone le loro nuove produzioni. Off Label, fino a maggio 2012, Lo Studio alternerà la ricerca pedagogica di compagnia con quella performativa, offrendo occasioni di crescita per il pubblico. Arearea e l’impegno di Off Label è liberare le forze creative di chi vive di arte e di chi si nutre di essa.

L’apertura della rassegna è stata affidata, il 19 e 20 novembre, a La Fionda Teatro con lo spettacolo Sogno rosso sotto il segno di Ifigenia primo studio. Sabato 3 dicembre 2011, la compagnia Monza7amoretti presenta Piazze d’Italia e Domenica 4 dicembre 2011 si svolge la conferenza, condotta da Fabrizio Zamero, con Wim Vandekeybus,Compagnia Ultima Vez. Così Off Label prosegue il suo appuntamento con la coreografia internazionale, attraverso tre conferenze d’autore dedicate ai grandi nomi della scena contemporanea. Con immagini, video scelti, interazione con il pubblico, aprendo una finestra sulla storia della danza contemporanea. Wim Vandekeybus, fondatore della compagnia belga Ultima Vez, è regista, coreografo, attore e fotografo. Vandekeybus rappresenta una danza energica, ribelle, estremamente fisica. La sua cifra artistica è di rilievo non solo per il tratto coreografico ma soprattutto per la commistione di linee espressive: musica, drammaturgia, parola, uso dell’immagine. La seconda conferenza con coreografi internazionali sarà domanica 5 febbraio 2012 con la compagnia Rosas di Anne Teresa de Keersmaeker condotta da Marta Bevilacqua; la terza e ultima, domanica 15 aprile 2012, è con Carolyn Carlson, condotta da Roberto Cocconi.

Il programma degli spettacoli prosegue, dal 27 al 30 dicembre 2011, con la prima assoluta della Compagnia Arearea, _H0m1n1Lupus_, il risveglio di quattro uomini contraddistinti da numeri casuali stampati sulle schiene. Per i quali la solidarietà è l’unica cosa che li tiene in vita, perché grazie alla loro collaborazione si mantiene un equilibrio che non permette a nessuno di vagare nell’ignoto. Microcosmo perfetto, dove l’armonia regna sovrana, ma dove ogni uomo persegue comunque i suoi scopi, la ricerca della felicità. E, una volta trovata, affiorano nuovi sentimenti come l’avarizia e l’egoismo… Domenica 15 gennaio 2012, in un doppio appuntamento, la compagnia Vera Stasi presenta FigureSonore e Raffaella Galdi, Modes of locomotion. Figure Sonore è il titolo di un breve concerto di partiture gestuali. I movimenti sono costruiti su ritmi ripetitivi molto semplici, evocativi di stati d’animo, come sono le canzoni, come erano le antiche forme di narrazione cantata. Le “danze”, in forma di brani staccati, sono partiture per “coro” e più precisamente per “coro femminile”. Nella coreografia Modes of locomotion musica-suono, testo-parole e danza interagiscono e ci parlano di un incontro. L´incontro fra due persone, due donne, due amiche, nemiche, due sorelle o sconosciute. Un incontro, così semplice e straordinario, che tocca ad un livello psicologico, emotivo e fisico e conduce su diversi sentieri, mostrando forza e debolezza, alti e bassi. Anche sabato 10 marzo 2012 Off Label propone un doppio appuntamento, ma con un solo coreografo: Daniele Ninarello con due sue creazioni, Man Size e con Non (leg)azioni, entrambe selezionate per CDC- Les Hivernales Avignon 2011 100% Danse “Quand les régions s’en mêlent…”

Man Size prende spunto dalla lettura di Logica della sensazione di Gilles Deleuze in cui il filosofo affronta una serie di temi e prospettive esaminando i lavori del pittore Francis Bacon, concentrandosi sulla Figura, sul suo isolamento, sulla struttura materiale che la circonda, e sullo sforzo muscolare e organico che il corpo compie nell’affrontare lo spazio per evaderlo, rendendo visibili le forze e le sensazioni che lo animano. Man Size vuole raccontare con il corpo, un’esperienza emozionale sulla trasformazione che lo spazio esterno, recipiente di storie, induce sullo spazio interno che si fa anima pesante, e viceversa. Si affronta così una danza deforme, una danza intenta a trovare un allineamento con l’intorno, una danza di arti che sembrano ipnotizzarsi nell’ arrangiarsi con fatica per guadagnarsi un angolo comodo in cui restare a osservare per agire. Non(leg)azioni è un progetto di atti improvvisativi in diversi luoghi e diverse situazioni, dove il corpo si organizza nella sua architettura e in quella dello spazio per trovare nuove forme e direzioni senza alcun intento al racconto. Unico fine è quello di aprirsi una via al possibile sconosciuto, assecondando ogni inclinazione per una giustezza della Figura Corporea.

Sabato 17 marzo 2012 la compagnia milanese Schuko presenta Coso, proseguimento di una ricerca prosegue sul rapporto tra corpo e identità, mettendo in scena personaggi alle prese con la definizione di sé, la propria storia e la propria forma. Venerdì 30 marzo 2012, Giulio D’Anna, ospite questo ottobre a Milano di Short Formats 2012, porta in scena il suo PARKIN’SON: padre e figlio D’Anna esplorano la loro relazione sul palco con un lavoro liberamente ispirato a Vite di uomini non illustri di Giuseppe Pontiggia. Una collezione di eventi personali, drammatici e non, che trovano la propria testimonianza sulle linee della pelle e sulle forme di due corpi legati dal sangue e dalla propria storia. Domenica 29 aprile 2012,Giornata Mondiale della Danza, è dedicata e aperta a tutti. È titolata, infatti, Libera! E Attraverso un bando di partecipazione le realtà regionali dello spettacolo sono invitate a rendere omaggio, con qualsiasi genere espressivo teatrale, a una danza oltre i suoi stessi stereotipi.

La sezione laboratori/seminari della rassegna Off Label prevede, sabato 28 e domenica 29 gennaio 2012, il laboratorio di danza contemporanea condotto da Daniele Ninarello, Orientare il corpo sensibileil seminario Comunità cellulare, sabato 31 marzo e domenica 1 aprile 2012, di Giulio D’Anna, tecniche di dialogo tra mente e corpo; sabato 5 e domenica 6 maggio 2012, il seminario di Marta Melucci, MEDOTO FELDENKRAIS® E DANZA CONTEMPORANEA.

http://www.arearea.it/Arearea/OFF_LABEL.html

http://www.arearea.it/Arearea/Compagnia_Arearea.html

PER INFO:

Compagnia Arearea

www.arearea.it

LO STUDIO

via Fabio di Maniago, 15 Udine

lun-ven dalle 15.00 alle 19.00

tel 0432 600424

lostudio@arearea.it

info@arearea.it

Informazioni su milanoartexpo

Blogzine fondata dal centro culturale Spazio Tadini di Milano. Per info: francescotadini61@gmail.com

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Danza Contemporanea Milano Coreografia d'Arte
DANZA CONTEMPORANEA  MILANO - Festival Coreografia D’Arte.
Dal 2009 vi hanno partecipato coreografi italiani ed esteri per realizzare spettacoli dal vivo su ispirazione di opere di artisti come Lucio Fontana, Emilio Tadini ma anche tanti giovani. Per l’edizione 2012, la III°, sono presenti coreografi italiani, venezuelani, austriaci insieme a 10 artisti di cui uno spagnolo e una cilena...   LEGGI >

mito fringe a milano

mito fringe Milano arte e cultura, MITOFRINGE
MITO Milano arte e Cultura, MITOFringe
MITO Milano arte e Cultura, MITOFringe
Stazione M2 Cadorna Music Corner
Orario: 13.00
Genere: Classica
Trio Clarinetto:
nasce alla Scuola Musicale di Milano. Il Trio Clarinetto si è esibito in diverse rassegne milanesi tra cui “Benvenuta Primavera”.
 MITOFringe >>>

Stazione M2 Garibaldi Music Corner
Ore 13.00, Genere: Jazz. Il repertorio del Maurizio Signorino Trio ...
 MITOFringe >>>


Biblioteca Baggio – Sala Narrativa
Ore 18.00, Genere: Classica. ll TRIO EUFONE’ presenta un progetto centrato su Claude Debussy, nell’anno del 150esimo annivers. della nascita. Brani da Syrinx per Flauto solo, 1re Arabesque, Suite Bergamasque.
 MITOFringe >>>
Pinacoteca di Brera Cortile d’Onore
Ore 13.00, Genere: Visual- Sonoro. Freecanvas è un progetto tra musica e pittura, un incrocio di arti diverse ma con un senso comune: la composizione libera. Mentre i musicisti suonano, Ambra Rinaldo ‘suona la tela’...
MITOFringe >>>

Amici del Loggione del Teatro alla Scala
Orario: 17.30
Genere: Educational
A cura di: Bianca De Mario. In occasione del 150esimo anno dalla nascita di Claude Debussy, Bianca De Mario racconta la sua figura...
MITOFringe >>>

Feltrinelli Express, Stazione Centrale, Ore 18.30, Genere: Jazz. Il quartetto Monk’s Dream è ispirato alla musica di Thelonius Monk..
MITOFringe >>>
Teatro Franco Parenti, Milano arte spettacoli e cultura
Teatro Franco Parenti, PUGAČËV, Milano arte spettacoli e cultura

20|22 giugno ore 21.15
PUGAČËV - di Sergej Esenin
Il poema drammatico del grande poeta russo Sergej Esenin attraversa la vicenda della “rivolta degli orfani”, che infiammò la Russia del Sud tra il 1773 e 1775, e la rilegge attraverso il prisma della Rivoluzione di Ottobre.
TEATRO PARENTI >>>
Teatro Franco Parenti, NE HO MANGIATA TROPPA, di Umberto Simonetta e Luca Sandri, Milano arte spettacoli e cultura
3 | 8 luglio NE HO MANGIATA TROPPA -  Omaggio a Umberto Simonetta. Scritto e diretto da Umberto Simonetta e Luca Sandri. Canzoni originali di Giorgio Gaber. Con Luca Sandri
TEATRO PARENTI >>>
Teatro Franco Parenti, AMLETO, Filippo Timi, Milano arte spettacoli e cultura

10 | 14 luglio - AMLETO²  - di Filippo Timi. regia di Filippo Timi e Stefania De Santis - Nuova edizione di Amleto: una rilettura dove ogni gesto o parola diventa gioco e voce personale, provocazione intelligente, “hellzapoppin” ad alta gradazione di divertimento.
TEATRO PARENTI >>>

Articoli recenti

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: