//
reading...
8° Festival Internazionale di Danza Contemporanea della Biennale di Venezia, Biennale Danza, Biennale di Venezia, Biennale Venezia, Choreographic Collision, Choreographic Collision progetto di formazione e ricerca coreografica, Coreografia, Danza, Danza contemporanea, danza nel mondo, debutti danza, Festival Danza, Festival di Danza 2012, Festival di Danza Contemporanea 2012, installazione site specific, Ismael Ivo, Milano arte, News, Pina Bausch, Prima assoluta, teatro danza, Teatrodanza

8°Festival Internazionale di Danza Contemporanea della Biennale di Venezia

Milano Arte Expo Danza 8° Festival Internazionale di Danza Contemporanea della Biennale Danza Venezia

8° Festival Internazionale di Danza Contemporanea della Biennale di Venezia

l’8° Festival Internazionale di Danza Contemporanea della Biennale di Venezia, Awakenings, inaugura venerdì 8 giugno 2012. La direzione artistica è di Ismael Ivo, e a lui è affidata l’apertura del Festival con il suo nuovo spettacolo, in prima assoluta, Biblioteca del Corpo. Il Festival Internazionale di Danza Contemporanea di Venezia non si limita ad essere una delle più autorevoli vetrine del contemporaneo coreografico nel mondo, ma è anche fucina di opportunità di ricerca, formazione e creazione: conferenze, workshop, e masterclass con alcuni dei protagonisti della scena contemporanea; 20 brevi performance di altrettante compagnie selezionate tramite bando presentate nella Marathon of the Unexpected, uno spazio all’interno del Festival dedicato a lavori inediti e innovativi, e la sesta edizione di Choreographic Collision, Laboratorio di formazione e ricerca coreografica. Giunto all’ottava edizione si svolgerà dall’8 al 24 giugno. Due settimane di spettacoli, performance, installazioni, 5 prime mondiali e 5 novità per l’Italia.

COMUNICATO STAMPA

Giunto all’ottava edizione, il Festival Internazionale di Danza Contemporanea della Biennale di Venezia, presieduta da Paolo Baratta, si svolgerà quest’anno dall’8 al 24 giugno. Due settimane tra spettacoli, performance, installazioni – fra cui 5 prime mondiali e 5 novità per l’Italia – ma anche conferenze, laboratori e masterclass con alcuni dei protagonisti della scena contemporanea. E ancora: 20 brevi performance di altrettante compagnie selezionate tramite bando, presentate nella Marathon of the unexpected, uno spazio all’interno del Festival dedicato a lavori inediti e innovativi. Momento culminante della manifestazione sarà la consegna del Leone d’oro alla carriera a una star della danza, Sylvie Guillem, il 20 giugno nella Sala delle Colonne di Ca’ Giustinian (ore 17.00).

Il Festival, diretto da Ismael Ivo e intitolato Awakenings, per celebrare e invitare al risveglio della vita e della creatività, si snoderà attraverso la città: dagli affascinanti spazi dell’Arsenale – Artiglierie, Corderie, Teatro Piccolo Arsenale, Teatro alle Tese, – alla Sala delle Colonne di Ca’ Giustinian, sede della Biennale, al Teatro Malibran e a spazi inconsueti come la Chiesa di Saint George.

Milano Arte Expo Danza Virgilio Sieni De Anima

Virgilio Sieni

Due sono le novità che aprono il Festival l’8 giugno: il nuovo spettacolo di Virgilio Sieni, ideato appositamente per il Festival, De anima, che prosegue il particolarissimo percorso intrapreso dal coreografo toscano tra letteratura filosofia e poesia, in scena al Teatro Piccolo Arsenale, e la nuova coreografia del direttore Ismael Ivo, Biblioteca del corpo, che vedrà impegnati, a conclusione della sessione annuale di studi, i 25 danzatori dell’Arsenale della Danza. L’attività di formazione e ricerca rappresentata dall’Arsenale della Danza e quella storicamente festivaliera ed espositiva, volta ad accendere i riflettori su una fetta consistente del panorama contemporaneo dell’arte coreutica trovano qui un punto di convergenza. Idealmente ispirato al racconto di Borges La Biblioteca di Babele, lo spettacolo compone una personale “biblioteca del corpo”, una installazione coreografica dove i corpi sono raccolti come un libro. “Il punto di partenza è l’idea che ogni individuo rappresenta di per sé un libro che contiene informazioni uniche e originali. Queste informazioni segrete sono inimitabili. Ma il libro individuale deve essere aperto per poter rivelare i suoi diversi aspetti, i difetti, le qualità e le potenzialità. In questo processo, ogni singolo libro, pur se originale in sé, è solo un volume della grande enciclopedia umana” (I. Ivo). In replica il 9 e 10 giugno, lo spettacolo sarà poi in tournée in Italia e all’estero.

Milano Arte Expo Danza Biennale Danza di Venezia biblioteca del corpo Ismael Ivo

Biblioteca del corpo Ismael Ivo 8° Festival Internazionale di Danza Contemporanea della Biennale di Venezia

Il Festival prosegue con un omaggio a una indimenticata artista, Pina Bausch, composto da Cristiana Morganti, danzatrice storica del Tanztheater Wuppertal: Moving with Pina sarà presentato nella Sala delle Colonne di Ca’ Giustinian il 12 e 13 giugno. Il dittico del Balé Teatro Castro Alves di Salvador di Bahia, apre invece uno squarcio su un Paese come il Brasile, dove l’arte della danza attraversa le espressioni quotidiane della vita: 1Por1Praum di Jorge Vermelho e A quem possa interessar di Henrique Rodovalho, presentati alla Biennale in prima nazionale, saranno in scena rispettivamente alle Corderie dell’Arsenale (13>17 giugno) e al Teatro alle Tese (15>17 giugno). Dal Brasile a un’altra forma di “meticciato culturale” con la coreografa anglo-indiana Shobana Jeyasingh, pioniera della danza “globale” o “fusion”, che cortocircuita tradizione e innovazione, oriente e occidente. TooMortal è il titolo della nuova creazione di Shobana, presentata in prima assoluta a Venezia e commissionata dalla Biennale con il Festival di Londra Dance Umbrella e Dansen Hus di Stoccolma (14>16 giugno, Chiesa di Saint George, San Vio).

Milano Arte Expo Danza  Cristiana Morganti

Milano Arte Expo Danza Cristiana Morganti Moving with Pina

Torna a Venezia William Forsythe, artista in costante evoluzione che non cessa di indagare sui processi della danza, con uno degli ormai celebri “oggetti coreografici”, esposti nelle gallerie e nei musei di tutto il mondo: Nowhere and Everywhere at the Same Time, in prima italiana alla Biennale negli spazi delle Artiglierie dell’Arsenale (15>17, 22>24 giugno). Saranno invece per la prima volta alla Biennale l’islandese Erna Ómarsdóttir, a lungo danzatrice di Jan Fabre, con la nuova versione di We saw monsters al Teatro Piccolo Arsenale (15 e 16 giugno), oltre che con un concerto-performance (17 giugno), e il beninese Koffi Kôkô, performer apripista della danza moderna africana in Europa, con La Beauté du Diableal Teatro Piccolo Arsenale (19 e 20 giugno). Dal rapporto fra Maestri e allievi nasce la proposta di uno spettacolo storico come Line Up, nato dall’incontro del Corso di Teatrodanza della Scuola d’Arte Drammatica “Paolo Grassi” di Milano con la “lezione” della coreografa americana Trisha Brown e la sua compagnia (al Teatro Piccolo Arsenale, 21 e 22 giugno).

Milano Arte Expo Danza Wim Vandekeybus

Wim Vandekeybus 8° festival Internazionale di Danza Contemporanea della Biennale di Venezia

Il finale di questa ottava edizione del Festival della Biennale allinea due presenze d’eccezione. Una vera star della danza, Sylvie Guillem, forse l’unica artista riuscita a coniugare una popolarità planetaria con l’altissima qualità delle proposte, che arriva da una lunga tournée iniziata al Sadler’s Welles di Londra con il suo ultimo lavoro: 6000 Miles Away, un trittico coreografico ad opera dei più bei nomi della danza contemporanea, Willliam Forsythe, Mats Ek, Jirí Kylián (al Teatro Malibran il 22 giugno). Infine la prima mondiale del nuovo spettacolo di un artista ormai di culto, Wim Vadekeybus: il suo Booty Looting, in scena il 23 e 24 giugno al Teatro alle Tese dell’Arsenale.

Marathon of the unexpected (24 giugno, Teatro Piccolo Arsenale) è lo spazio aperto dalla Biennale all’interno del Festival e dedicato alle novità: tutti pezzi inediti e fulminanti per brevità – non più di 15 minuti ognuno – selezionati attraverso un bando di concorso per portare allo scoperto ciò che raramente trova visibilità. Awakenings Dance Party (24 giugno, Tese delle Vergini) sarà invece un momento di festa condiviso, per celebrare la gioia e la bellezza della danza a coronamento del Festival.

Il programma della Biennale Danza si articola anche attraverso esperienze laboratoriali, incontri e conferenze che sottolineano la necessità di fare di Venezia non solo il luogo privilegiato per presentare spettacoli inediti per l’Italia, ma anche il luogo dell’incontro tra artisti italiani e stranieri e tra gli artisti e un pubblico consapevole, attento alla ricerca di diversi linguaggi espressivi. Accanto a Choreographic Collision, sesta edizione di un percorso di perfezionamento nella coreografia sotto la direzione di Ismael Ivo e a cura dell’Associazione Danzavenezia, ci saranno masterclass per professionisti e non con i protagonisti del Festival, occasione unica per entrare in contatto diretto con gli strumenti e i processi creativi di maestri di oggi: Virgilio Sieni, Cristiana Morganti del Tanztheater Wuppertal, Rosa Barreto e Gilberto Baía del Balé Teatro Castro Alves, Erna Ómarsdóttir, Wim Vandekeybus, Brock Labrenz della Forsythe Company e Koffi Kôkô.

Milano Arte Expo Danza Marathon of the Unexpected

Marathon of the Unexpected 8° festival Internazionale di Danza Contemporanea della Biennale di Venezia

IL PROGRAMMA

8 > 10 giugno ore 20.00

Teatro alle Tese – Arsenale

ARSENALE DELLA DANZA / ISMAEL IVO (Italia)

Biblioteca del corpo (prima assoluta)

ideazione, coreografia Ismael Ivo

con i danzatori dell’Arsenale della Danza

Patrícia Bergantin, Giulia Brenzan, Elisa Capecchi, Marina Cervo, César Dias Cirqueira, Martina Fasano, Giampaolo Gobbi, Arianna Henry, Tunai Denise Jones, Malcolm Matheus, Stefano Marletta, Jane Alison McKinney, Ariadne Mikou, Antonio Nicastro, Guilherme Nunes, Giuseppe Paolicelli, Domenico Russo, Valentina Schisa, Paula Sousa, Leilane Teles, Felipe Torquatto, Lucas Valente, Richard Villaverde, Elisabetta Violante, Miles Edward Yeung

scene Marcel Kaskeline

luci Marco Policastro

produzione La Biennale di Venezia

8 > 10 giugno ore 22.00

Teatro Piccolo Arsenale

COMPAGNIA VIRGILIO SIENI (Italia)

De anima (prima assoluta)

regia, coreografia, scene, costumi Virgilio Sieni

interpretazione e collaborazione alla coreografia Ramona Caia, Giulia Mureddu, Jari Boldrini, Nicola Cisternino, Andrea Rampazzo, Davide Valrosso

luci Davide Cavandoli

produzione Compagnia Virgilio Sieni, La Biennale di Venezia

12 > 13 giugno ore 20.00

Sala delle Colonne – Ca’ Giustinian

CRISTIANA MORGANTI (Italia)

Moving with Pina

una conferenza danzata sulla poetica, la tecnica, la creatività di Pina Bausch

di e con Cristiana Morganti

produzione Centro Culturale il Funaro – Pistoia

13 > 17 giugno ore 14.00 > 17.00

Corderie dell’Arsenale

BALÉ TEATRO CASTRO ALVES (Brasile)

1POR1PRAUM (prima nazionale)

ideazione, direzione artistica Jorge Vermelho

con Adriana Bamberg, Agnaldo Fonseca, Ajax Vianna, Ângela Bandiera, Dina Tourinho, Evandro Macero, Fátima Berenguer, Gilberto Baia, Iracema Cersósimo, José A. Sampaio, Konstanze Mello, Lila Martins, Lilian Pereira, Luis Molina, Maria Ângela Tochilovsky, Paullo Fonseca, Renivaldo Nascimento (Flexa II), Rosa Barreto, Solange Lucatelli, Sonia Gonçalves, Ticiana Garrido

collaborazione alla drammaturgia Marcos Barbosa

supervisione coreografica Renata Melo

assistenti alla coreografia Anna P. Drehmer, Renivaldo Nascimento (Flexa II)

tecnica di contact improvisation Cristiano Karnas

suono Math Carvalho, Elias Batista

luci Irma Vidal

costumi Rino Carvalho in collaborazione con Centro Técnico do TCA

produzione Teatro Castro Alves

15 > 17 giugno ore 20.00

Teatro alle Tese – Arsenale

BALÉ TEATRO CASTRO ALVES (Brasile)

A quem possa interessar (prima nazionale)

coreografia Henrique Rodovalho

con Adriana Bamberg, Agnaldo Fonseca, Ajáx Vianna, Alice Becker, Ângela Bandeira, Anna Paula Drehmer, Dina Tourinho, Evandro Macedo, Fátima Berenguer, Gilberto Baía, José Antônio Sampaio, Konstanze Mello, Lila Martins, Lilian Pereira, Luis Molina, Maria Ângela Tochilovsky, Mônica Nascimento, Paullo Fonseca, Renivaldo Nascimento (Flexa II), Rita Brandi, Rosa Barreto, Solange Lucatelli, Sônia Gonçalves, Ticiana Garrido

assistente alla coreografia Anna Paula Drehmer

musiche eseguite dal vivo da Badi Assad

scene, suono Henrique Rodovalho

luci Irma Vidal, Henrique Rodovalho

costumi Márcia Ganem

produzione Teatro Castro Alves

14 > 16 giugno ore 19.00, ore 20.00, ore 21.00

Chiesa di Saint George

SHOBANA JEYASINGH DANCE (Gran Bretagna)

TooMortal (prima assoluta)

ideazione, coreografia, regia Shobana Jeyasingh

costumi Ursula Bombshell

commissionato da Dance Umbrella (Londra), La Biennale di Venezia, Dansens Hus (Stoccolma) nell’ambito di ENPARTS – European Network of Performing Arts

con il sostegno del Programma Cultura della Commissione Europea

15 > 17 e 22 > 24 giugno ore 19.00 > 23.00

Artiglierie dell’Arsenale

THE FORSYTHE COMPANY (Germania)

Nowhere and everywhere at the same time (prima nazionale)

oggetto coreografico di William Forsythe

con Brock Labrenz

realizzazione tecnica Max Schubert

produzione The Forsythe Company

The Forsythe Company è sostenuta dalla città di Dresda e dalla regione Sassonia, dalla città di Francoforte e dalla regione Assia, è compagnia in residenza al Centro Europeo per le Arti HELLERAU di Dresda e al Bockenheimer Depot di Francoforte.

15 > 16 giugno ore 22.00

Teatro Piccolo Arsenale

ERNA ÓMARSDÓTTIR/SHALALA (Islanda)

We saw monsters (nuova versione)

direzione artistica Erna Ómarsdóttir

ideazione Erna Ómarsdóttir, Valdimar Jóhannsson

interpretazione e collaborazione alla performance Erna Ómarsdóttir, Valdimar Jóhannsson, Sigrígridur Soffía Níelsdóttir, Sigtryggur Berg Sigmarsson, Ásgeir Helgi Magnússon e Lovísa Ósk Gunnarsdóttir

drammaturgia Karen Maria Jónsdóttir

musica Valdimar Jóhannsson

costumi Gabríela Fridriksdóttir, Hrafnhildur Hólmgeirsdóttir

luci Larus Björnsson, Sylvain Rausa

produzione shalala ehf, Le CNDC di Angers – progetto «accueil studio/Ministère de la Culture et de la Communication», The National Theater of Iceland, Reykjavíks Artfestival, città di Kópavogur

in coproduzione con La Biennale di Venezia, Berliner Festspiele – Spielzeit’europa nell’ambito del progetto ENPARTS – European Network of Performing Arts

con il sostegno del Programma Cultura della Commissione Europea

con il sostegno del Ministero della cultura islandese e WP Zimmer/Antwerpen, PAF e CC De Warande in Turnhout

17 giugno ore 22.00

Teatro Piccolo Arsenale

ERNA ÓMARSDÓTTIR/VALDIMAR JÓHANNSSON

Lazyblood

concerto-performance

19 > 20 giugno ore 20.00

Teatro Piccolo Arsenale

KOFFI KÔKÔ (Benin)

La Beauté du Diable (prima nazionale)

ideazione, coreografia, danza Koffi Kôkô

musica Achille Acakpo, Janos Crecelius

percussioni Pape Sambe, Achille Acakpo, Janos Crecelius

luci Peter Göhler

21 giugno ore 20.00, 22 giugno ore 18.00

Teatro Piccolo Arsenale

MILANO TEATRO SCUOLA PAOLO GRASSI (Italia)

Line Up

un progetto della Trisha Brown Dance Company con la Milano Teatro Scuola Paolo Grassi

coreografia Trisha Brown

con gli allievi del III anno del corso di Teatrodanza coordinato da Marinella Guatterini

Giuseppe Brancaccio, Clarissa Colombani, Eugenia Coscarella, Simona Cutrignelli, Anita Faconti, Anna Guarinoni, Mauro Losapio, Francesco Marilungo, Bianca Migliorati, Francesco Napoli, Camilla Parini, Eleonora Soricaro, Marta Ventura

direzione delle prove Lisa Kraus, Elena Demyanenko

musica Bob Dylan, istruzioni verbali, metronomo

luci Paolo Latini

costumi originali di Trisha Brown, realizzati da Enza Bianchini e Nunzia Lazzaro

22 giugno ore 20.00

Teatro Malibran

SYLVIE GUILLEM (Francia)

6000 Miles Away

Produzione Sadler’s Wells / Sylvie Guillem

Co Produzione Les Nuits de Fourvière/Département duRhône, Athens Festival, Esplanade – Theatres on the Bay

Rearray

coreografia, luci, costumi William Forsythe

con Sylvie Guillem, Massimo Murru

musica David Morrow

27’52”

coreografia, scene Jirí Kylián

con Aurélie Cayla, Lukas Timulak

musica Dirk P Haubrich

luci Kees Tjebbes

costumi Joke Visser

Bye

coreografia Mats Ek

con Sylvie Guillem

musica Ludwig van Beethoven (Sonata per pianoforte n.32, Op.111)

scene, costumi Katrin Brännström

luci Erik Berglund

video Elias Benxon

coproduzione Dansens Hus (Stoccolma)

23 > 24 giugno ore 20.00

Teatro alle Tese – Arsenale

ULTIMA VEZ / WIM VANDEKEYBUS (Belgio)

booty Looting (prima assoluta)

regia, coreografia, scene Wim Vandekeybus

interpretazione e collaborazione alla coreografia Jerry Killick, Birgit Walter, Elena Fokina, Dymitry

Szypura, Luke Jessop, Kip Johnson

assistenza artistica, drammaturgia Greet Van Poeck

musica originale eseguita dal vivo di Elko Blijweert

suono Antoine Delagoutte

luci Davy Deschepper, Francis Gahide, Wim Vandekeybus

costumi Isabelle Lhoas

fotografia dal vivo Danny Willems

produzione Ultima Vez

in coproduzione con La Biennale di Venezia, KVS (Bruxelles), Schauspiel Köln

Ultima Vez è sostenuta delle Autorità e della Comunità fiamminga

24 giugno ore 15.00 > 20.00

Teatro Piccolo Arsenale

MARATHON OF THE UNEXPECTED

24 giugno ore 22.30

AWAKENINGS DANCE PARTY

INCONTRI

Sala delle Colonne di Ca’ Giustinian – ore 17.00

14 giugno

William Forsythe

conduce Marinella Guatterini

20 giugno

Sylvie Guillem

conduce Elisa Guzzo Vaccarino

CONFERENZE

Ca’ Giustinian – ore 16.00

9 giugno

Helena Katz, La danza contemporanea brasiliana

10 giugno

Cléo De Miranda, La danza e l’azione sociale

15 giugno

Ivan Fedele, Il corpo musicale

22 giugno

Koffi Kôkô, Il corpo rituale

LABORATORI E MASTERCLASS

Joy of Movement

8 > 24 giugno, Tese dei Soppalchi e Salone SS. Filippo e Giacomo, Museo Diocesano di Venezia

Choreographic Collision 6

Corpo a corpo

percorso di formazione coreografica a cura di Danzavenezia

direzione artistica Ismael Ivo

con la partecipazione di Shobana Jeyasingh

9 > 10 giugno ore 11.00 > 15.00, Tese dei Soppalchi

Virgilio Sieni

per danzatori professionisti e non professionisti, con selezione

13 giugno ore 10.00 > 14.00, Sala delle Colonne di Ca’ Giustinian

Cristiana Morganti

Me, Myself and I

laboratorio di teatrodanza per danzatori professionisti, con selezione

15 > 16 giugno ore 10.00 > 13.00, Tese dei Soppalchi

Rosa Barreto e Gilberto Baía/Balé Teatro Castro Alves

Danza afro-brasiliana

aperto a tutti

18 > 19 giugno ore 15.00 > 19.00, Tese dei Soppalchi

Erna Ómarsdóttir

Dancing with the voice, Speaking with your body

per danzatori professionisti e non professionisti, con selezione

17 > 18 giugno ore 11.00 > 14.00, Tese dei Soppalchi

Wim Vandekeybus

per danzatori professionisti, con selezione

19 > 20 giugno ore 11.00 > 15.00, Artiglierie dell’Arsenale

Brock Labrenz / The Forsythe Company

Improvisational movements

per danzatori professionisti, con selezione

21 > 22 giugno ore 10.00 > 14.00, Tese dei Soppalchi

Koffi Kôkô

The Spirit of Dance

aperto a tutti

http://www.labiennale.org/it/danza/

Settori Danza Musica Teatro
Telefono 041 5218898
Fax 041 5218843
Email


About these ads

Informazioni su milanoartexpo

Blogzine fondata dal centro culturale Spazio Tadini di Milano. Per info: milanoartexpo@gmail.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Danza Contemporanea Milano Coreografia d'Arte
DANZA CONTEMPORANEA  MILANO - Festival Coreografia D’Arte.
Dal 2009 vi hanno partecipato coreografi italiani ed esteri per realizzare spettacoli dal vivo su ispirazione di opere di artisti come Lucio Fontana, Emilio Tadini ma anche tanti giovani. Per l’edizione 2012, la III°, sono presenti coreografi italiani, venezuelani, austriaci insieme a 10 artisti di cui uno spagnolo e una cilena...   LEGGI >

mito fringe a milano

mito fringe Milano arte e cultura, MITOFRINGE
MITO Milano arte e Cultura, MITOFringe
MITO Milano arte e Cultura, MITOFringe
Stazione M2 Cadorna Music Corner
Orario: 13.00
Genere: Classica
Trio Clarinetto:
nasce alla Scuola Musicale di Milano. Il Trio Clarinetto si è esibito in diverse rassegne milanesi tra cui “Benvenuta Primavera”.
 MITOFringe >>>

Stazione M2 Garibaldi Music Corner
Ore 13.00, Genere: Jazz. Il repertorio del Maurizio Signorino Trio ...
 MITOFringe >>>


Biblioteca Baggio – Sala Narrativa
Ore 18.00, Genere: Classica. ll TRIO EUFONE’ presenta un progetto centrato su Claude Debussy, nell’anno del 150esimo annivers. della nascita. Brani da Syrinx per Flauto solo, 1re Arabesque, Suite Bergamasque.
 MITOFringe >>>
Pinacoteca di Brera Cortile d’Onore
Ore 13.00, Genere: Visual- Sonoro. Freecanvas è un progetto tra musica e pittura, un incrocio di arti diverse ma con un senso comune: la composizione libera. Mentre i musicisti suonano, Ambra Rinaldo ‘suona la tela’...
MITOFringe >>>

Amici del Loggione del Teatro alla Scala
Orario: 17.30
Genere: Educational
A cura di: Bianca De Mario. In occasione del 150esimo anno dalla nascita di Claude Debussy, Bianca De Mario racconta la sua figura...
MITOFringe >>>

Feltrinelli Express, Stazione Centrale, Ore 18.30, Genere: Jazz. Il quartetto Monk’s Dream è ispirato alla musica di Thelonius Monk..
MITOFringe >>>
Teatro Franco Parenti, Milano arte spettacoli e cultura
Teatro Franco Parenti, PUGAČËV, Milano arte spettacoli e cultura

20|22 giugno ore 21.15
PUGAČËV - di Sergej Esenin
Il poema drammatico del grande poeta russo Sergej Esenin attraversa la vicenda della “rivolta degli orfani”, che infiammò la Russia del Sud tra il 1773 e 1775, e la rilegge attraverso il prisma della Rivoluzione di Ottobre.
TEATRO PARENTI >>>
Teatro Franco Parenti, NE HO MANGIATA TROPPA, di Umberto Simonetta e Luca Sandri, Milano arte spettacoli e cultura
3 | 8 luglio NE HO MANGIATA TROPPA -  Omaggio a Umberto Simonetta. Scritto e diretto da Umberto Simonetta e Luca Sandri. Canzoni originali di Giorgio Gaber. Con Luca Sandri
TEATRO PARENTI >>>
Teatro Franco Parenti, AMLETO, Filippo Timi, Milano arte spettacoli e cultura

10 | 14 luglio - AMLETO²  - di Filippo Timi. regia di Filippo Timi e Stefania De Santis - Nuova edizione di Amleto: una rilettura dove ogni gesto o parola diventa gioco e voce personale, provocazione intelligente, “hellzapoppin” ad alta gradazione di divertimento.
TEATRO PARENTI >>>

Articoli Recenti

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.378 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: