//
reading...
coreografi afro-americani, Coreografia, Danspace project, Danspace project Platform 2012, Danza, Danza contemporanea, danza d'autore, danza mondiale, danza nel mondo, danza post-moderna, danza urbana, debutti danza, Festival di Danza 2012, improvvisazione, New York, News, Parallels, Platform 2012, Teatro, Teatrodanza

Danspace project Platform 2012: New York

Parallels dal 2 Febbraio al 31 Marzo 2012: Saint Mark’s Church in-the-Bowery

Ogni anno le Platform series presentate al Danspace project di New York sono un evento molto interessante da seguire. Avvengono in uno spazio unico come quello della vecchia Saint Mark’s Church in-the-Bowery, nell’East Village della città, e con la partecipazione di un curatore e direttore artistico diverso ogni anno e offrono sempre lavori innovativi e sperimentali.

Quest’anno l’evento attrae l’attenzione per un motivo in più: Platform 2012 festeggia i 30 anni del lavoro di Ishmael Houston-Jones, Parallels. Il progetto originale, presentato nella stessa chiesa nel 1982, prevedeva il contributo di coreografi afro-americani della danza post-moderna che sono ancora oggi figure importanti, di indiscutibile influenza ed inspirazione per le nuove generazioni: Ralph Lemon, Bebbe Miller, Blondell Cummings, Fred Holland, Christina Rrata Jones, Gus Solomons jr e Harry Whittaker Sheppard. Jawole Willa Jo Zollar, fondatore dell’Urban Bush Women, li raggiungerà più tardi nella loro performance all’American Center di Parigi, nel 1987.

Oggi, Ishamel Houston-Jones ritorna con Parallels curando un programma imperdibile di 8 settimane, dal 2 febbraio al 31 Marzo 2012, in cui la vecchia generazione sarà affiancata da nuovi talenti afro-americani. Allo spettatore sarà data la possibilità di trovare risposta alle domande che Houston-Jones pone anche a sé stesso, e che riguardano il significato dell’essere afro-americani o persone di colore oggi, l’impatto di un lavoro che esce dalle “cose normali e ordinarie” e l’evoluzione delle nuove generazioni rispetto al primo progetto di Parallels.

La prima settimana è dedicata a una conversazione tra Houston-Jones e il visual artist Wangechi Mutu sulla sua carriera creativa; segue una serata di film screenings che unisce insieme danza e video.

Le serate di performances continuano con Isabel Lewis e Will Rawls, Jawole Willa Jo Zollar, Bebe Miller e Dean Moss, che lavoreranno nella veste di curatori per tre serate. La settimana successiva presenta un gruppo di interessantissimi danzatori e coreografi della nuova generazione: Darell Jones, Nial Noel Jones, Nicholas Leichter e Regina Rocke.

Foto: Judith-Sanchez-Ruiz-by-Anja-Hitzenberger

Il programma sembra trasmettere la sensazione di un viaggio nel tempo: si torna indietro negli anni con Dean Moss e Reggie Wilson, Nora Chipaumire e Okwui Okpokwasili, per poi tornare di nuovo avanti nelle serate con i giovani Kyle Abraham, Marjani A. Forté e Samatha Speis.

Siamo ormai arrivati a marzo e alle ultime settimane di Parallels. Stacy Spence presenterà una performance incentrata su cosa il nostro corpo porta nello spazio e viceversa, correndo intorno alla chiesa e interagendo con tutto quello che succede dentro e fuori di essa: spazio, situazioni e corpi. Nello stesso pomeriggio ci sarà una lecture performance su storie che si sovrappongono e divergono a proposito della danza di colore negli Stati Uniti. A tenerla una figura di assoluto rilievo nel mondo accademico e della danza: Thomas F. De Frantz, performer, scrittore, professore di danza e studi afro-americani alla Duke University e Presidente della Society of Dance History Scholars.

Souleymane-Badolo-Photo-AnnaCampbell

Il progetto si chiude alla grande con un evento concepito da Ralph Lemon: artisti di diverse discipline, un nuovo artista ogni ora per undici ore, entreranno nello spazio ed interagiranno con la scultura-oggetto creata appositamente per quest’evento da Nari Ward. Alcuni degli artisti che prenderanno parte a quest’esperimento sono Ishmael Houston-Jones, Niv Acosta, Rashaun Mitchell e Kevin Beasley.

Si tratta dunque di un progetto promettente, che include alcuni dei migliori danzatori e coreografi afro-americani e che offre allo spettatore una panoramica di nomi non solo interessanti da seguire ma anche da studiare per saperne di più sullo sviluppo della storia contemporanea della danza afro-americana negli Stati Uniti.

Per maggiori informazioni: http://danspaceproject.org/

DANSPACE PROJECT
131 East 10th Street
New York, NY 10003

phone: (212) 674-8112
fax: (212) 529-2318
tickets: (866) 811-4111
info@danspaceproject.org

Danai Giannakopoulou, corrispondente di MAE da New York  [leggi l'articolo in Inglese, read in English ]

About these ads

Informazioni su milanoartexpo

Blogzine fondata dal centro culturale Spazio Tadini di Milano. Per info: milanoartexpo@gmail.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Danza Contemporanea Milano Coreografia d'Arte
DANZA CONTEMPORANEA  MILANO - Festival Coreografia D’Arte.
Dal 2009 vi hanno partecipato coreografi italiani ed esteri per realizzare spettacoli dal vivo su ispirazione di opere di artisti come Lucio Fontana, Emilio Tadini ma anche tanti giovani. Per l’edizione 2012, la III°, sono presenti coreografi italiani, venezuelani, austriaci insieme a 10 artisti di cui uno spagnolo e una cilena...   LEGGI >

mito fringe a milano

mito fringe Milano arte e cultura, MITOFRINGE
MITO Milano arte e Cultura, MITOFringe
MITO Milano arte e Cultura, MITOFringe
Stazione M2 Cadorna Music Corner
Orario: 13.00
Genere: Classica
Trio Clarinetto:
nasce alla Scuola Musicale di Milano. Il Trio Clarinetto si è esibito in diverse rassegne milanesi tra cui “Benvenuta Primavera”.
 MITOFringe >>>

Stazione M2 Garibaldi Music Corner
Ore 13.00, Genere: Jazz. Il repertorio del Maurizio Signorino Trio ...
 MITOFringe >>>


Biblioteca Baggio – Sala Narrativa
Ore 18.00, Genere: Classica. ll TRIO EUFONE’ presenta un progetto centrato su Claude Debussy, nell’anno del 150esimo annivers. della nascita. Brani da Syrinx per Flauto solo, 1re Arabesque, Suite Bergamasque.
 MITOFringe >>>
Pinacoteca di Brera Cortile d’Onore
Ore 13.00, Genere: Visual- Sonoro. Freecanvas è un progetto tra musica e pittura, un incrocio di arti diverse ma con un senso comune: la composizione libera. Mentre i musicisti suonano, Ambra Rinaldo ‘suona la tela’...
MITOFringe >>>

Amici del Loggione del Teatro alla Scala
Orario: 17.30
Genere: Educational
A cura di: Bianca De Mario. In occasione del 150esimo anno dalla nascita di Claude Debussy, Bianca De Mario racconta la sua figura...
MITOFringe >>>

Feltrinelli Express, Stazione Centrale, Ore 18.30, Genere: Jazz. Il quartetto Monk’s Dream è ispirato alla musica di Thelonius Monk..
MITOFringe >>>
Teatro Franco Parenti, Milano arte spettacoli e cultura
Teatro Franco Parenti, PUGAČËV, Milano arte spettacoli e cultura

20|22 giugno ore 21.15
PUGAČËV - di Sergej Esenin
Il poema drammatico del grande poeta russo Sergej Esenin attraversa la vicenda della “rivolta degli orfani”, che infiammò la Russia del Sud tra il 1773 e 1775, e la rilegge attraverso il prisma della Rivoluzione di Ottobre.
TEATRO PARENTI >>>
Teatro Franco Parenti, NE HO MANGIATA TROPPA, di Umberto Simonetta e Luca Sandri, Milano arte spettacoli e cultura
3 | 8 luglio NE HO MANGIATA TROPPA -  Omaggio a Umberto Simonetta. Scritto e diretto da Umberto Simonetta e Luca Sandri. Canzoni originali di Giorgio Gaber. Con Luca Sandri
TEATRO PARENTI >>>
Teatro Franco Parenti, AMLETO, Filippo Timi, Milano arte spettacoli e cultura

10 | 14 luglio - AMLETO²  - di Filippo Timi. regia di Filippo Timi e Stefania De Santis - Nuova edizione di Amleto: una rilettura dove ogni gesto o parola diventa gioco e voce personale, provocazione intelligente, “hellzapoppin” ad alta gradazione di divertimento.
TEATRO PARENTI >>>

Articoli Recenti

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.246 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: