//
reading...
Alain Platel, Balletto, Biennale de la danse de Lyon, Biennale della danza di Lione, CODA 2011, CODA 2011 Dance Festival, CODA Oslo festival, Coreografia, Danza, Danza contemporanea, danza d'autore, danza nel mondo, debutti danza, Festival Danza, Festival d’Avignon, Festival di Danza Contemporanea 2011, Musica, News, Oslo International dance festival, Tanz Im August, Teatro, Teatrodanza, Uncategorized

Alain Platel & Frank Van Laecke con Gardenia chiudono il CODA 2011 di Oslo

La settima edizione del Oslo International Dance Festival si chiude, il 22 e 23 ottobre 2011, con lo spettacolo della Compagnia Les ballets C de la B/Alain Platel, Frank Van Laecke.

PAST PRESENT – Age in dance, il tema di questa edizione del Festival, ha rivolto l’attenzione soprattutto a opere coreografate in un altra “epoca”, con l’intento di capire dove sono questi artisti oggi, dove trova posto la loro opera oggi, che influenza hanno avuto fino ad oggi e nell’oggi, e come meglio salvaguardare la storia.

Il festival, parallelamente ad una serie di incontri e workshop, ha ospitato Angelin Preljocaj con il Ballet Preljocaj – National Choreographic Center in Aix-en-Provence, Yvonne Rainer e Pat Catterson, Deborah Hay, la Tsuumi Dance Company con le coreografaie di Samuli Nordberg, Stephanie Thiersch e la media artist Angela Melitopoulos, Lise Ferner docente presso l’Università di Oslo, la Batsheva Dance Company con le coreografie di Ohad Naharin, la proiezione del film Dance to be Murdered, compagnia Dansdesign, diretta fin dal 1978 dai coreografi Anne Grete Eriksen e Leif Hernes; uno dei più promettenti coreografi norvegesi come Ingun Bjørnsgaard, Susanne Linke, Gunhild Bjørnsgaard con la sua compagnia Company B. Valiente fondata con Marcelino Martin Valiente, la berlinese Antonia Baehr, Ervi Sirén, la compagnia Carte Blanche; e la chiusura del festival è affidata al danzatore, pedagogo, regista-coreografo fiammingo, Alain Platel, considerato uno dei nuovi maestri della scena europea. Sabato 22 e domenica 23 ottobre 2011 replica Gardenia, “An endlessly extravagant work that inspires, shocks and delights”, The Stage.

Ispirato al dissacrante e mordace film Yo soy asi di Sonia Herman Dolz, in cui la chiusura di un cabaret di travestiti a Barcellona offre uno sguardo profondo nelle vite private di un gruppo di artisti vecchi. L’attrice Vanessa Van Durme ha davvero riunito un certo numero di amici transessuali e travestiti al fine di conquistare il coreografo-regista Alain Platel, il regista e sceneggiatore Frank Van Laecke e il compositore Steven Prengels per un progetto che può, sotto ogni punto di vista, essere definito unico.Perché Gardenia non è un’opera di finzione. Gardenia è una narrazione e resoconto singolare, il più intimo dei racconti. Va in profondità nella vita turbolenta di nove persone assolutamente singolari.

Sette uomini anziani, che navigano, apparentemente senza fatica, la zona crepuscolare tra l’essere maschio e l’essere femmina. In contrasto e in armonia con un “ragazzo” e una “vera donna”. Ciascuno con una propria investigazione, ricerca. Ognuno con una propria intrigante storia. A volte divertente, a volte travolgente. A volte struggente, a volte esilarante. Ciascuno con un baule pieno di nostalgia e di desideri spesso persi o fuori portata. A volte romantici. Per lo più inusuali/straordinari. Nelle loro menti i suoni del passato. Ai loro occhi i dubbi del domani, ma anche una buona e doverosa dose di speranza. Nove vite: Vanessa Van Durme, Griet Debacker, Timur Magomedgadzhiev (sostituito da Hendrik Lebon), Andrea De Laet, Richard ‘Tootsie’ Dierick, Danilo Povolo, Gerrit Becker, Dirk Van Vaerenbergh, Rudy Suwyns. Nove persone così straordinarie che si desidera fare la loro conoscenza. Persino abbracciarli. Ciò che li lega sono i segni che hanno inciso profondamente le loro anime. Ciò che li muove e spinge è una volontà inimmaginabile di sopravvivere. Nella speranza di riuscirci. Attraverso la trasformazione. Oppure no. Nella consapevolezza che il prezzo è incredibilmente alto.

Si parla anche dell’invecchiare, certo. Eh sì. Certo, il culto dei giovani e del giovanilismo, la mania del fitness, ma giunge un momento in cui dobbiamo ammettere che la giovinezza è andata. L’unione di tre personalità e menti come il coreografo belga Alain Platel, Frank Van Laeke e il grande artista di cabaret e transessuale Vanessa Van Durme, da forma a un vero e proprio raduno di amici che intrecciano intimamente le loro storie, e con umorismo; in una storia collettiva che si anima in una sapiente miscela di danza, teatro e musica. Riflette anche un profondo e autentico sguardo in movimento nel mondo dei travestiti e dei transessuali: stereotipati capelli, tacchi alti, make-up, orpelli, manierismi, abiti…e ci si accorge che ciò che colpisce non è il sesso, ma l’età. In scena ci sono uomini maturi, tra i 56 e i 69 anni, alcuni un poco appesantiti e con rughe evidenti. Ma quando si travestono l’orologio corre indietro. Travestiti non trapelano rimpianti, né di età, né di treni persi, mancati. Alain Platel con questo percorso di sguardo e riflessione – e chi guarda si trova obbligato a farlo -, palesa la complessità sotto qualsiasi orpello. Palesa anche l’umiliazione delle “questioni di genere/gender” e della costruzione di “ruoli definiti”.

Gardenia è 105 minuti di parole, racconti, visioni, canto, musica, umanità. Che comunica necessariamente. Gardenia è anche un fiore bianco, che vive un solo giorno, cui è attribuito il simbolo della sincerità. E di sincerità questa storia è intrisa. Come di onestà e autenticità. Misurare il margine tra mascolinità e femminilità, tra giovinezza e non più giovinezza, ruoli definiti e semplicità, farlo tra bizzarrie, soluzioni eccentriche di un cabaret sfavillante, pezzi di vita, speranze e illusioni, sofferenza e divertimento, è sicuramente un arduo compito. Ma che Alain Platel e Frank Van Laecke riescono felicemente a centrare, capendo e affrontando il vasto e complesso soggetto che è l’umanità. E tutto, le nevrosi e le sofferenze del nostro tempo, i temi scottanti dell’invecchiare e dell’invecchiamento della società, i diritti civili nella differenza sessuale, le debolezze, le condizioni di vita quotidiana di un single omosessuale o transessuale oggi, la solitudine e disperazione che tocca tutti, anche gli eterosessuali, arrivano, con precisione e attenzione, ma in alone di umanità. Sebbene Platel e Van Laecke non nascondano una propria visione piuttosto pessimistica del sociale contemporaneo, Gardenia traluce sana visionarietà, amore (nonostante in scena la parola sembri vuota di ogni significato e valenza), tenerezza, empatia, emozione, onestà e, ancora e ancora, umanità. Ottimi presupposti perché le speranze non siano vane e il nostro contemporaneo meno compromesso.

Da vedere.

Federicapaola Capecchi

Alain Platel & Frank Van Laecke Foto Luk Monsaert

A cat has nine lives.

They have more.

And during their final life, they found each other in a safe ghetto.

If you sneak your way in, you can see them clawing, growling and hissing.

And when the ghetto is demolished, all lives seem to have been used up.

The trip to nothingness is crushing.

Because even skin has a memory

http://www.lesballetscdela.be

ALAIN PLATEL

Biografia in Italiano

Biografia in lingua sul sito della Compagnia Les ballets C de la B

GARDENIA

Directors: Alain Platel, Frank Van Laecke
Concept: Vanessa Van Durme
Performers: Vanessa Van Durme, Griet Debacker, Timur Magomedgadzhiev (replaced by Hendrik Lebon), Andrea De Laet, Richard ‘Tootsie’ Dierick, Danilo Povolo, Gerrit Becker, Dirk Van Vaerenbergh, Rudy Suwyns
Music: Steven Prengels
Light design: Kurt Lefevre
Sound design: Sam Serruys
Set design: Paul Gallis
Costume design: Marie ‘costume’ Lauwers
Costume advice: Yan Tax
Stagemanager: Wim Van de Cappelle

Duration: 105 min.

Production: les ballets C de la B
Coproduction: NTGent, La rose des vents (Villeneuve d’Ascq), TorinoDanza, Biennale de la danse de Lyon, Tanz im August (Berlin), Théâtre National de Chaillot (Paris), Brighton festival, Centro Cultural Vila Flor Guimarães, La Bâtie-Festival de Genève, Festival d’Avignon
Distribution: Frans Brood Productions

The performance is presented in collaboration with
Dansens Hus Norway

CODA – Oslo International Dance Festival

Sabato 22 e domenica 23 ottobre 2011
Tel: +47 464 12 150

post@codadancefest.no

Postal address:
Box 513 Sentrum
N-0105 Oslo

Visiting address:
Møllerveien 2
c/o Dansens Hus

http://www.codadancefest.no

About these ads

Informazioni su milanoartexpo

Blogzine fondata dal centro culturale Spazio Tadini di Milano. Per info: milanoartexpo@gmail.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Danza Contemporanea Milano Coreografia d'Arte
DANZA CONTEMPORANEA  MILANO - Festival Coreografia D’Arte.
Dal 2009 vi hanno partecipato coreografi italiani ed esteri per realizzare spettacoli dal vivo su ispirazione di opere di artisti come Lucio Fontana, Emilio Tadini ma anche tanti giovani. Per l’edizione 2012, la III°, sono presenti coreografi italiani, venezuelani, austriaci insieme a 10 artisti di cui uno spagnolo e una cilena...   LEGGI >

mito fringe a milano

mito fringe Milano arte e cultura, MITOFRINGE
MITO Milano arte e Cultura, MITOFringe
MITO Milano arte e Cultura, MITOFringe
Stazione M2 Cadorna Music Corner
Orario: 13.00
Genere: Classica
Trio Clarinetto:
nasce alla Scuola Musicale di Milano. Il Trio Clarinetto si è esibito in diverse rassegne milanesi tra cui “Benvenuta Primavera”.
 MITOFringe >>>

Stazione M2 Garibaldi Music Corner
Ore 13.00, Genere: Jazz. Il repertorio del Maurizio Signorino Trio ...
 MITOFringe >>>


Biblioteca Baggio – Sala Narrativa
Ore 18.00, Genere: Classica. ll TRIO EUFONE’ presenta un progetto centrato su Claude Debussy, nell’anno del 150esimo annivers. della nascita. Brani da Syrinx per Flauto solo, 1re Arabesque, Suite Bergamasque.
 MITOFringe >>>
Pinacoteca di Brera Cortile d’Onore
Ore 13.00, Genere: Visual- Sonoro. Freecanvas è un progetto tra musica e pittura, un incrocio di arti diverse ma con un senso comune: la composizione libera. Mentre i musicisti suonano, Ambra Rinaldo ‘suona la tela’...
MITOFringe >>>

Amici del Loggione del Teatro alla Scala
Orario: 17.30
Genere: Educational
A cura di: Bianca De Mario. In occasione del 150esimo anno dalla nascita di Claude Debussy, Bianca De Mario racconta la sua figura...
MITOFringe >>>

Feltrinelli Express, Stazione Centrale, Ore 18.30, Genere: Jazz. Il quartetto Monk’s Dream è ispirato alla musica di Thelonius Monk..
MITOFringe >>>
Teatro Franco Parenti, Milano arte spettacoli e cultura
Teatro Franco Parenti, PUGAČËV, Milano arte spettacoli e cultura

20|22 giugno ore 21.15
PUGAČËV - di Sergej Esenin
Il poema drammatico del grande poeta russo Sergej Esenin attraversa la vicenda della “rivolta degli orfani”, che infiammò la Russia del Sud tra il 1773 e 1775, e la rilegge attraverso il prisma della Rivoluzione di Ottobre.
TEATRO PARENTI >>>
Teatro Franco Parenti, NE HO MANGIATA TROPPA, di Umberto Simonetta e Luca Sandri, Milano arte spettacoli e cultura
3 | 8 luglio NE HO MANGIATA TROPPA -  Omaggio a Umberto Simonetta. Scritto e diretto da Umberto Simonetta e Luca Sandri. Canzoni originali di Giorgio Gaber. Con Luca Sandri
TEATRO PARENTI >>>
Teatro Franco Parenti, AMLETO, Filippo Timi, Milano arte spettacoli e cultura

10 | 14 luglio - AMLETO²  - di Filippo Timi. regia di Filippo Timi e Stefania De Santis - Nuova edizione di Amleto: una rilettura dove ogni gesto o parola diventa gioco e voce personale, provocazione intelligente, “hellzapoppin” ad alta gradazione di divertimento.
TEATRO PARENTI >>>

Articoli Recenti

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.246 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: